News
  • Caricamento...

Sven-Goran Eriksson: “Ho il cancro, mi resta da vivere un anno”

11/01/24 - 12:18

Sven Goran Eriksson ha un cancro terminale e, nella migliore delle ipotesi, gli resta circa un anno di vita. L’ex tecnico di Roma, Fiorentina, Sampdoria e Lazio, 75 anni, lo ha rivelato nel corso di un’intervista ad una radio svedese. Eriksson, che è stato per cinque anni alla guida dell’Inghilterra prima di lasciare dopo il Mondiale del 2006, a febbraio dello scorso anno aveva interrotto la collaborazione con il Karlstad, club svedese di terza serie, spiegando di doversi concentrare “sulla mia salute e sulla mia famiglia”.

 

 

Eriksson: “Ho il cancro”

Alla radio svedese P1 Eriksson ha detto: “Tutti vedono che ho una malattia che non fa bene, e tutti suppongono che sia un cancro, e lo è. Ma devo combatterla il più a lungo possibile. So che nel migliore dei casi ho circa un anno, nel peggiore dei casi anche meno. O nel migliore dei casi suppongo anche di più. Non credo che i medici che ho a disposizione possano essere del tutto sicuri, non possono mettere un giorno. È meglio non pensarci. Devi ingannare il tuo cervello. Potrei andare in giro a pensarci tutto il tempo e sedermi a casa ed essere infelice e pensare di essere sfortunato e così via”, ha raccontato.

L’ictus e la scoperta del cancro

Eriksson racconta di aver scoperto di avere il cancro dopo un malore: “Ero completamente sano, poi sono crollato, sono svenuto e sono finito in ospedale. Dopo un consulto medico ho scoperto di avere avuto in ictus e che avevo già un tumore. Non so da quanto tempo, forse un mese, forse un anno. Si è scoperto che avevo il cancro ma il giorno prima avevo corso cinque chilometri. È venuto dal nulla. E questo ti rende scioccato. Non sento grandi dolori. Ma mi è stata diagnosticata una malattia che puoi rallentare ma che non puoi operare. Quindi è quello che è”.

La carriera di Eriksson

Dopo aver vinto in patria con il Goteborg e in Portogallo con il Benfica, Eriksson è arrivato in Italia nel 1984 per guidare la Roma. Nel 1987 è alla Fiorentina, torna al Benfica (89-92) ma poi è di nuovo serie A alla Sampdoria (92-97). Passa alla Lazio che guida nel 2000 alla conquista del secondo scudetto della sua storia. Con i biancocelesti vince anche una Coppa delle Coppe, una Supercoppa Europea, due Supercoppe Italiane e due Coppe Italia, quest’ultimo trofeo ottenuto anche alla guida di Roma e Sampdoria. Nel 2001 è stato nominato ct dell’Inghilterra, primo straniero a ricoprire l’incarico: incarico ricoperto fino ai Mondiale del 2006. Ha poi allenato anche Manchester City e Leicester, oltre alla Costa D’Avorio, al Messico, alle Filippine e diverse squadre in Cina.

Foto: SS Lazio Fb ©

Leggi anche

Catturati i due 17enne evasi, caccia al 15enne

Catturati i due 17enne evasi, caccia al 15enne

Sono stati catturati a meno di 24 ore dalla fuga dal carcere minorile di Casal del Marmo due dei tre giovani evasi. Le ricerche continuano ora per catturare il terzo evaso 15enne ancora in fuga. Il primo è stato catturato a L'Aquila nel pomeriggio di ieri dalla...