News
  • Caricamento...

Otto milioni di euro stanziati per la Croce Rossa senza bando. Scoppia la polemica sul presidente Rocca

08/01/24 - 14:26

Sugli otto milioni di euro stanziati dalla Regione Lazio per la Croce Rossa in merito al progetto “Pronto soccorso” le opposizioni alla Pisana alzano gli scudi. L’operazione infatti non ha previsto un bando di gara.

L’obiettivo del progetto, si legge in una nota, “è quello di migliorare i processi di relazione tra il cittadino e i servizi resi dalle strutture ospedaliere delle aziende del servizio sanitario regionale e di trasformare radicalmente l’esperienza dei cittadini nell’assistenza sociosanitaria”.

In pratica, tramite la convezione stipulata con l’associazione, è previsto un intervento dei volontari all’interno delle strutture sanitarie del territorio. “Avranno il compito – si legge nella nota – di potenziare i servizi di accoglienza, umanizzando il percorso del paziente e fornendo informazioni fondamentali ai familiari sull’accesso e sull’utilizzo corretto dei servizi sanitari”.

“Particolare attenzione sarà dedicata ai pronto soccorso, dove i volontari faciliteranno l’accesso per i casi di violenza di genere (codici rosa), offrendo anche un’accoglienza speciale a bambini e adolescenti nei casi di violenza e maltrattamenti”. Un modo per il presidente Rocca di “investire sulla salute che testimonia concretamente l’importanza di un approccio empatico e umano nella fornitura di servizi sanitari”. Gli otto milioni di euro servono a coprire il progetto per il biennio 2024-2025.

L’affidamento però non è passato per una gara pubblica, da qui la polemica: “Chiederò la convocazione di una commissione Sanità straordinaria con il presidente Rocca per conoscere i dettagli di questa ennesima carineria nei confronti del privato” commenta il consigliere Pd della Regione Massimiliano Valeriani. “Non si possono assegnare otto milioni di euro di fondi regionali a un soggetto privato senza un bando e una gara pubblica”. La normativa, per gli affidamenti diretti, prevede una soglia massima di 140mila euro.

Leggi anche