News
  • Caricamento...

Via Poma, parla un testimone a Quarto Grado: “Mia sorella abusata dall’avvocato Caracciolo”

22/12/23 - 18:54

“Nel 1990 mia sorella è stata abusata dall’avvocato Francesco Caracciolo di Sarno”. La trasmissione Quarto Grado che andrà in onda questa sera alle 21.30 su Retequattro, ha raccolto una testimonianza clamorosa che coinvolge l’avvocato Caracciolo, allora presidente della associazione Alberghi della Gioventù per cui lavorava come contabile Simonetta Cesaroni uccisa in via Poma.

A 33 anni dal delitto parla per la prima volta un uomo, oggi 55enne. “Mia sorella aveva al tempo 20 anni. Era molto bella. Era il 1990, pochi mesi prima dell’omicidio di Simonetta”. Il testimone prosegue nel racconto: “L’avvocato Caracciolo la assunse per dargli una mano nello studio, a mettere a posto faldoni. Lei era ragioniera”.

Una violenza mai espressa al tempo dalla ragazza perché – racconta il testimone a Quarto Grado- “l’avvocato la minacciò che se avesse parlato avrebbe licenziato i miei genitori, che lavoravano per lui”. Solo anni dopo, quando il rapporto di lavoro finisce, nel 1999, la sorella racconta tra le lacrime alla famiglia l’abuso subito. Ma si decide, per paura di ritorsioni dell’avvocato – poi deceduto nel 2016 – di non denunciare un fatto ormai appartenuto al passato. Oggi però il testimone, intervistato da Quarto Grado – è stato ascoltato anche dalla Procura di Roma. Gli inquirenti hanno subito convocato la sorella, che ha confermato gli abusi. La Procura ha quindi aperto un nuovo fascicolo.

 

Leggi anche

Da Roma Lido a Metromare: il treno per Ostia compie 100 anni

Da Roma Lido a Metromare: il treno per Ostia compie 100 anni

L’assessore ai Trasporti e alla Mobilità della Regione Lazio Fabrizio Ghera, la vicepresidente e assessore allo Sviluppo Economico della Regione Lazio, Roberta Angelilli, insieme alla presidente di Cotral Amalia Colaceci e l’amministratore unico di Astral Antonio...