News
  • Caricamento...

Gaia Sabbatini: “Mi alleno ad Ostia e sogno l’Olimpico a giugno. Tamberi e Palmisano due esempi”

15/03/24 - 13:46

È una delle più giovani e promettenti mezzofondiste italiane. Gaia Sabbatini, ventiquattrenne di Teramo, corre spedita verso i Campionati Europei di Atletica Leggera in programma a Roma dal 7 al 12 giugno 2024: “Sarà una competizione importantissima – afferma l’azzurra – non solo perché di livello internazionale, ma perché si svolgerà in Italia. Questa cosa mi carica particolarmente. Mi sto preparando per questo appuntamento, poi penserò alle Olimpiadi”. 
 
Reduce da un ottimo personale sui 1500 in Diamond League (4:01.24) a luglio dell’anno scorso, nel 2022 ha trionfato nella staffetta mista a squadre degli Europei di cross a Venaria Reale: “È un momento magico per l’atletica italiana – sottolinea la Sabbatini che nel 2021 ha vinto l’oro nei 1500 agli Europei under 23 – abbiamo una buonissima struttura tecnica, guidata da due capitani come Tamberi e Palmisano che sono un esempio e creano un clima super favorevole”.  
 
Sempre molto attiva sui social, si può considerare una “influencer” dell’atletica: “C’è una foto che sogno di pubblicare, ma sono scaramantica e non dirò quale”. Il prossimo appuntamento utile per postare social è quello degli Europei di Roma, una città che per Gaia è una seconda casa: “Vivo nella Capitale da 6 anni. Sono più legata ad Ostia, dove c’è la pineta in cui passo gran parte del tempo per andare a correre, ma anche all’Olimpico dove ho fatto il Golden Gala, che vedevo da bambina. Non vedo l’ora di poterci correre di nuovo”. 
 
Come lei altre azzurre sperano di far bene al Foro Italico, ma la Sabbatini non teme la concorrenza: “Avere atlete forti a livello italiano mi carica tanto. È un motivo in piu per fare meglio, ci sproniamo a vicenda. Il movimento sta crescendo sempre di più. Ne vedremo delle belle”.

Leggi anche

Roma commemora l’80° anniversario del rastrellamento del Quadraro

Roma commemora l’80° anniversario del rastrellamento del Quadraro

Roma Capitale ricorda l'80° anniversario del rastrellamento del Quadraro e lo fa, in aggiunta alle consuete cerimonie commemorative, con l'intitolazione di una strada ai Deportati del Quadraro e con un momento solenne di ricordo e raccoglimento in Aula Giulio Cesare,...