News
  • Caricamento...

Regione, Rocca: “Stop alla stagione dei debiti nel Lazio”

16/12/23 - 10:57

Il presidente della Regione Lazio, Francesco Rocca tira le fila su Sanità e debiti in un’intervista ad un quotidiano nazionale.

«Stop alla stagione dei debiti nel Lazio. Una prima volta storica, a fronte di un macigno “miliardario” sulle spalle, ereditato dalla giunta Zingaretti. Un gesto di “volontà politica” che significa una cosa tanto semplice nella comprensione quanto complessa, almeno fino a ieri, nell’attuazione: Utilizzare meglio le risorse non significa che ce ne saranno di meno. Vuol dire un utilizzo più razionale e parlo anche dei fondi europei. Stesso discorso per l’attenzione della Regione ai criteri di ripartizione per la sanità e i trasporti. Tutti aspetti cruciali su cui ci batteremo come leoni». Lo ha detto il presidente della Regione Lazio, Francesco Rocca in un’intervista sul quotidiano Libero.

MAI PIÙ INDEBITAMENTO

“Questa è una Regione che purtroppo lascia sulle spalle dei figli e dei figli dei nostri figli un grosso problema: perché 22 miliardi di debito sono una cifra enorme per un bilancio regionale. Davanti a questo abbiamo pensato di non ricorrere più, ad ogni costo, all’indebitamento: sarebbe diventato insostenibile. Perché, ricordiamolo sempre, sono risorse che vanno restituite”.

«Quando parliamo di bilancio sembra che si parli solo di cifre – ha aggiunto Rocca – E a volte dietro le leggi finanziarie si fa pure tanta retorica. In realtà queste sono leggi che allocano risorse per i servizi, per le imprese, per lo sviluppo economico, per l’agricoltura, per i più fragili. Dietro ogni numero c’è la storia di qualcuno».

«Abbiamo ereditato responsabilità enormi sotto forma di passivo dovuto a un ricorso massiccio al debito e, di certo, dallo sforamento della spesa sanitaria negli ultimi trent’anni ha concluso il presidente Francesco Rocca – Con politiche che non hanno guardato al risanamento. Ora, se noi non avessimo il rinnovo – da parte della Finanziaria in discussione – del blocco delle rate di mutuo per altri due anni, avremmo dovuto pagare 400 milioni di rate che avrebbero bloccato ogni possibilità di intervenire sui servizi che la Regione eroga come, ad esempio, quelli dal trasporto pubblico ai contributi per i servizi sociali, dagli interventi di manutenzione sulle strade all’agricoltura: sarebbe stata una carneficina».

MIGLIORARE LA QUALITÀ DELLA VITA DEI CITTADINI

«Voglio segnalare i 100 milioni destinati alle fasce più deboli, per chi rischia di rimanere indietro, di cui discuteremo nei dettagli con le forze sociali. I progetti, nel bilancio di previsione, sono innumerevoli e tutti finalizzati a migliorare la qualità della vita dei cittadini, senza lasciare indietro le fasce più deboli. Questo sarà possibile anche grazie all’ossigeno dato dai 2,5 miliardi circa tra Accordo di Sviluppo e Coesione e Piano di Investimenti in Edilizia Sanitaria. Nonostante il debito e il necessario rigore faremo di tutto per rilanciare sviluppo, occupazione e redditi della seconda Regione italiana per Pil e che ha un potenziale enorme». Lo ha detto il presidente della Regione Lazio, Francesco Rocca in un’intervista sul quotidiano Libero.

SANITA’

«Nel Piano regionale della Sanità, approvato in Giunta, portiamo al 3 per mille il rapporto reale, anche nelle province, del numero dei posti letto. Prima c’era una sperequazione: Roma stava intorno al 5 per mille e il resto delle province stava intorno al 2, se non meno.  Nel precedente piano sanitario, poi, venivano dichiarati dei numeri che non erano reali. Nel nostro non è così».

«L’altro tema di cui sono soddisfatto è proprio l’aumento della spesa per il personale – ha aggiunto il presidente Rocca – Abbiamo fatto circa 4mila assunzioni, fra stabilizzazioni e nuovi incarichi. La spesa sanitaria per il personale è aumentata di 191 milioni, solo nel 2023. Questo vuol dire che al saldo delle persone che vanno in quiescenza abbiamo dato un segnale rispetto ai fabbisogni. Ovvio che questo è solo l’inizio: le carenze ereditate sono tantissime. Però è un segnale che va nella giusta direzione con un bilancio sanitario che presenta quei limiti da piano di rientro: credo che siamo stati molto virtuosi, riuscendo ad erogare più risorse e anche ad efficentarle».

«A giugno, inoltre, avevamo già riprogrammato gli impegni di spesa assunti dalla precedente amministrazione, mettendo al primo posto l'”anti-incendio” e l'”anti-sismica”. Cosa che prima non era avvenuta, perché, chi ci ha preceduto, si era limitata ad annunciati nuovi ospedali – ha concluso Rocca – Con una delibera approvata in Giunta, abbiamo acquisito tutti i progetti esecutivi chiedendo al ministero di sbloccarci i fondi per 375 milioni di euro per rifare tutti gli impianti antincendio a norma. Perché oggi molti ospedali sono in proroga, con delle prescrizioni particolari. Con questi fondi sistemeremo tutta la normativa antincendio dei nosocomi del Lazio».

OSPEDALE DI TIVOLI

«Sull’inchiesta in corso è giusto che non mi esprima. Si tratta di tragedie così devastanti da imporre un rispettoso silenzio. Quello che è indicativo è che l’antincendio era ed è una priorità. E quella parola di cui il centrosinistra si riempie tanto la bocca – sicurezza – poi deve essere tradotta in fatti concreti. E noi lo abbiamo fatto: quasi 700 milioni su un miliardo e duecento milioni per la sicurezza dei nostri ospedali, dei cittadini e per gli operatori che devono poter lavorare in un ambiente sicuro».

Leggi anche

Da Roma Lido a Metromare: il treno per Ostia compie 100 anni

Da Roma Lido a Metromare: il treno per Ostia compie 100 anni

L’assessore ai Trasporti e alla Mobilità della Regione Lazio Fabrizio Ghera, la vicepresidente e assessore allo Sviluppo Economico della Regione Lazio, Roberta Angelilli, insieme alla presidente di Cotral Amalia Colaceci e l’amministratore unico di Astral Antonio...