News
  • Caricamento...

Fermato per omicidio il marito di Rosa D’Ascenzo, l’uomo l’avrebbe colpita con una padella

02/01/24 - 17:08

Rosa D’Ascenzo, 71 anni, non è caduta dalle scale come aveva detto il marito appena arrivati in ospedale. Secondo la Procura di Tivoli sarebbe stato lui ad ucciderla. Se verrà confermata l’accusa, Rosa è la prima vittima di femminicidio del 2024. L’uomo, 73 anni, è stato sottoposto in stato di fermo dalla Procura di Tivoli.

Una storia che aveva subito lasciato troppi dubbi da quando ieri sera l’uomo è arrivato all’ospedale di Civita Castellana con il cadavere della moglie in macchina. La donna era già morta ed il marito ha raccontato ai medici del pronto soccorso che la donna era caduta dalle scale sbattendo la testa. Da qui, sempre stando a quanto raccontato dall’uomo, la corsa in ospedale per salvarle la vita.

Ma il suo racconto non ha convinto né i medici, né i Carabinieri allertati proprio dall’ospedale. Subito è stata allertata anche la Procura e sono scattate le indagini che, in meno di 24 ore, hanno portato ad una storia ben diversa.

Il primo sopralluogo all’interno dell’abitazione a Sant’Oreste ha portato al rilevamento di tracce di sangue e diversi indizi che hanno portato gli investigatori a supporre che Rosa sia stata colpita al capo con un oggetto contundente. Secondo quanto emerso nel primo pomeriggio i due avrebbero avuto una lite sfociata poi nel gesto dell’uomo che avrebbe colpito la moglie alla testa con una padella su cui i Carabinieri avrebbero trovato del sangue. Sarà ora l’autopsia a confermare la causa del decesso.

L’uomo è stato quindi portato in caserma per essere ascoltato e successivamente l’abitazione è stata sottoposta a sequestro mentre “sussistendo il concreto pericolo di fuga dell’uomo” la procura ha emesso il decreto di fermo nei confronti del 73enne.

Rosa e il marito, pastore, non frequentavano molto il paese e non erano conosciuti da tutti. Questo non ha comunque fermato le indagini che hanno capovolto quanto raccontato dall’omicida.

“La prima raccolta indiziaria si è conclusa in meno di 24 ore”, spiegano dalla procura di Tivoli. Sono in corso ulteriori accertamenti per la ricostruzione dei fatti. Sicuramente la donna non aveva mai sporto denuncia per casi di violenza domestica.

Leggi anche

Roma commemora l’80° anniversario del rastrellamento del Quadraro

Roma commemora l’80° anniversario del rastrellamento del Quadraro

Roma Capitale ricorda l'80° anniversario del rastrellamento del Quadraro e lo fa, in aggiunta alle consuete cerimonie commemorative, con l'intitolazione di una strada ai Deportati del Quadraro e con un momento solenne di ricordo e raccoglimento in Aula Giulio Cesare,...